Domenica 9 maggio

Canto iniziale:

Resurrezione

Che gioia ci hai dato, Signore del cielo
Signore del grande universo!
Che gioia ci hai dato, vestito di luce
Vestito di gloria infinita,
Vestito di gloria infinita!

Vederti risorto, vederti Signore,
Il cuore sta per impazzire!
Tu sei ritornato, Tu sei qui tra noi
E adesso Ti avremo per sempre,
E adesso Ti avremo per sempre.

Chi cercate, donne, quaggiù,
Chi cercate, donne, quaggiù?
Quello che era morto non è qui:
è risorto, sì! come aveva detto anche a voi,
Voi gridate a tutti che
è risorto Lui,
A tutti che
è risorto Lui!

Tu hai vinto il mondo, Gesù,
Tu hai vinto il mondo, Gesù,
Liberiamo la felicità!
E la morte, no, non esiste più, l’hai vinta Tu
E hai salvato tutti noi,
Uomini con Te,
Tutti noi,
Uomini con Te.

Prima Lettura

Dagli Atti degli Apostoli
At 10,25-26.34-35.44-48

Avvenne che, mentre Pietro stava per entrare [nella casa di Cornelio], questi gli andò incontro e si gettò ai suoi piedi per rendergli omaggio. Ma Pietro lo rialzò, dicendo: «Àlzati: anche io sono un uomo!».

Poi prese la parola e disse: «In verità sto rendendomi conto che Dio non fa preferenze di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque nazione appartenga».

Pietro stava ancora dicendo queste cose, quando lo Spirito Santo discese sopra tutti coloro che ascoltavano la Parola. E i fedeli circoncisi, che erano venuti con Pietro, si stupirono che anche sui pagani si fosse effuso il dono dello Spirito Santo; li sentivano infatti parlare in altre lingue e glorificare Dio.

Allora Pietro disse: «Chi può impedire che siano battezzati nell’acqua questi che hanno ricevuto, come noi, lo Spirito Santo?». E ordinò che fossero battezzati nel nome di Gesù Cristo. Quindi lo pregarono di fermarsi alcuni giorni.

Parola di Dio

Salmo Responsoriale
Dal Sal 97 (98)

R. Il Signore ha rivelato ai popoli la sua giustizia.
Oppure:
Alleluia, alleluia, alleluia.

Cantate al Signore un canto nuovo,
perché ha compiuto meraviglie.
Gli ha dato vittoria la sua destra
e il suo braccio santo. R.

Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza,
agli occhi delle genti ha rivelato la sua giustizia.
Egli si è ricordato del suo amore,
della sua fedeltà alla casa d’Israele. R.

Tutti i confini della terra hanno veduto
la vittoria del nostro Dio.
Acclami il Signore tutta la terra,
gridate, esultate, cantate inni! R.

Seconda Lettura

Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo
1Gv 4,7-10

Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l’amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.

In questo si è manifestato l’amore di Dio in noi: Dio ha mandato nel mondo il suo Figlio unigenito, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui.

In questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.

Parola di Dio

Canto al Vangelo:

Alleluja

Alleluia, alleluia, alleluia, alleluia,alleluia, alleluia, alleluia!
Passeranno i cieli e passerà la terra,
la sua Parola non passerà! Alleluia,
alleluia!

Vangelo

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 15,9-17

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.

Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Parola del Signore

Canti di Comunione e Offertorio:

Frutto della nostra terra

Frutto della nostra terra, del lavoro di ogni uomo

Pane della nostra vita cibo della quotidianità

Tu che lo spezzavi un giorno, lo distribuivi ai tuoi

Oggi vieni in questo pane, cibo vero dell’umanità

E sarò pane e sarò vino

nella mia vita, nelle tue mani

ti accoglierò dentro di me

farò di me un’offerta viva

un sacrificio gradito a te.

Frutto della nostra terra, del lavoro di ogni uomo

Vino delle nostre vigne sulla mensa dei fratelli tuoi

Tu che lo versavi un giorno, lo bevevi con i tuoi

Oggi vieni in questo vino e ti doni per la vita mia.

E sarò pane e sarò vino

nella mia vita, nelle tue mani

ti accoglierò dentro di me

farò di me un’offerta viva

un sacrificio gradito a te.

Tutto il mondo deve sapere

Allleluia, alleluia, alleluia

Allleluia, alleluia, alleluia.

Come potrò raccontare? È una gioia che fa piangere e fa gridare:

Io l’ho visto con i miei occhi, era vivo era Lui.

E m’ha chiamata per nome: era la Sua voce era il mio Signore!

Io l’ho visto con i miei occhi, era li davanti a me.

Allleluia, alleluia, alleluia

Allleluia, alleluia, alleluia.

Gli angeli ci hanno parlato davanti a quel sepolcro spalancato:

“Donne, il Signore è risorto; non cercatelo qui.

Che corsa senza respiro per gridare a tutti di quel mattino:

Tutto il mondo deve sapere che è rimasto qui tra noi

Allleluia, alleluia, alleluia

Allleluia, alleluia, alleluia.

Alba di un tempo diverso: è il mattino dei mattini per l’universo.

Tutto già profuma d’eterno c’è il Risorto qui fra noi

E le sue piaghe e la gloria sono vive dentro la nostra storia,

Segni di un amore che resta qui per sempre qui tra noi.

Allleluia, alleluia, alleluia

Allleluia, alleluia, alleluia.

Alleluia.

Verbum Panis

Prima del tempo, prima ancora che la terra cominciasse a vivere,

il verbo era presso Dio.

Venne nel mondo, e per non abbandonarci in questo viaggio ci lasciò,

tutto sé stesso come pane.

Verbum caro factum est

Verbum panis factum est

Verbum caro factum est

Verbum panis factum est.

Qui spezzi ancora il pane in mezzo a noi

e chiunque mangerà non avrà più fame.

Qui vive la tua Chiesa intorno a te,

dove ognuno troverà la sua vera casa.

Verbum caro factum est,

….

Prima del tempo, quando l’universo fu creato dall’oscurità,

il Verbo era presso Dio.

Venne nel mondo nella sua misericordia Dio ha mandato il figlio suo

tutto se stesso come pane.

Verbum caro factum est,

….

Qui spezzi ancora il pane in mezzo a noi…(X2)

Verbum caro factum est,

…. (X2)

Canto finale:

Luce

C’è il segreto della libertà,

quella vera, batte dentro di te

Come risvegliarsi un mattino

con il sole, dopo un lungo inverno

Nel soffrire mio Signore ho incontrato te Dio Amore.

Nel perdono nel gioire, ho capito che sei Luce per me.

Signore sono qui per dirti ancora sì, Luce

Fammi scoppiare di gioia per vivere, Luce.

Fammi strumento per portare attorno a me, Luce.

E chi è vicino a me sappia che tutto in te è Luce.

Voglio ringraziarti Signore

per la vita che mi hai ridonato

So che sei nell’amore degli amici

che ora ho incontrato

Nel soffrire mio Signore ho incontrato te Dio Amore.

Nel perdono nel gioire, ho capito che sei Luce per me.

Signore sono qui per dirti ancora sì, Luce

Fammi scoppiare di gioia di vivere, Luce.

Fammi strumento per portare attorno a me, Luce.

E chi è vicino a me sappia che tutto in te è Luce.

…e con le lacrime agli occhi

e le mani alzate verso Te Gesù

Con la speranza nel cuore

e la tua luce in me paura non ho più… ( Luce per me)

Signore sono qui per dirti ancora sì, Luce

Fammi scoppiare di gioia di vivere, Luce.

Fammi strumento per portare attorno a me, Luce.

E chi è vicino a me sappia che tutto in te è Luce.